ROMEO MODELS: 54 mm.; Kanvas e la Danzatrice d'Oriente

ROMEO MODELS: 54 mm.; Kanvas e la Danzatrice d'OrienteROMEO MODELS: 54 mm.; Kanvas e la Danzatrice d'OrienteROMEO MODELS: 54 mm.; Kanvas e la Danzatrice d'Oriente
Usa la rotella di scorrimento del mouse per ingrandire l'immagine
Prezzo:

104,00 Iva inclusa (22%)

Cod. art.: ROM-SC5401
MARCA: ROMEO MODELS
scala: SCALA 1:32 (54mm)
materiale: metallo
Disponibilità: disponibile
Quantità:

Descrizione

Scala 54mm
prodotto da assemblare e da dipingere. Colori e colla non forniti.
Scultore: M. Bruno - Pittore:

Kavas & La Danzatrice d’Oriente

Storia:
Durante il regno della dinastia Ottomana nel XVI e XVII secolo, Costantinopoli, posta com'è tra Europa ed Asia, era divenuta un importante centro per il commercio internazionale. Navi dall’Europa, Oceano Indiano e Mar Nero, vi portavano droghe, grano, specchi e pellicce, che le carovane trasportavano poi in Medio Oriente. Allo stesso modo, carovane dall’Asia trasportavano seta, tè, spezie e porcellane a Costantinopoli da dove grandi navi a vela le trasferivano in Europa.
Il mercato era grande e molta gente giungeva in città, come piazzisti e mercanti, a vendere o comprare. Molti erano anche i maghi, musicisti e danzatrici che venivano ad esibire la loro abilità. Dapprima impiantarono le loro piccole bancarelle nelle strade, in seguito si espansero in più grandi mercati all’aperto chiamati bazar. Un bazar era una parte importante della vita sociale di Costantinopoli ed era pieno di personaggi interessanti.
I nostri scultori, in questa scenetta, si sono ispirati al dipinto ad olio di stile orientale del famoso pittore francese Jean-Léon Gérôme, che ritrasse due coloriti personaggi del bazar di Costantinopoli: un Kavas che prova a flirtare con una danzatrice del ventre. I Kavas erano agenti di polizia comunale dell'impero ottomano che controllavano strade, negozi e bazar. Mantenevano l'ordine, controllavano il commercio ed arrestavano i ladri nei bazar. Era gente onesta ed affidabile ed aveva buoni rapporti coi commercianti. Indossavano vestiti tipici con una forte dominante di colore rosso ed erano armati. Le danzatrici del ventre, essenzialmente originarie del Medio Oriente, erano donne molto belle ed attraenti che eseguivano i loro balli usando il linguaggio del corpo. Ballavano per la gente comune per pochi soldi, ma sognavano sempre di ballare nel palazzo per il sultano, ricompensate con gioielli e, magari far parte del suo harem.

SUGGERIMENTI DI PITTURA
Kavas: Fez, tunica, pantaloni e calze, color rosso con ricami in oro. Turbante e cintura di stoffa in bianco.
Scarpe di cuoio marrone, spada con elsa di avorio in fodero di cuoio, pistola in metallo e legno.

Danzatrice del ventre: Il figurinista è libero di spaziare con la fantasia nella scelta dei colori ma la camicia deve essere di velo nero trasparente.

Scultori: per le figure Maurizio Bruno; per la scena Stefano D’Antonio
Note Storiche di Engin Kayral

I clienti che hanno acquistato questo prodotto, hanno scelto anche questi articoli